Giorgia MeloniGuruNotizie

Italia assume Presidenza G7: un ruolo importante

ROMA (ITALPRESS) – Dal 1° gennaio, l’Italia assume la Presidenza del G7, “un’organizzazione che negli ultimi anni ha svolto un ruolo sempre più importante nella tutela del sistema internazionale basato su regole e valori democratici e nel far fronte alle sfide del nostro tempo”, sottolinea il Ministero degli Affari Esteri in una nota.
Sotto la guida del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, verranno organizzate quattro riunioni ministeriali del G7: due riunioni dei Ministri degli Esteri a aprile (Capri) e poi in autunno a Fiuggi; una riunione dei Ministri del Commercio Internazionale a luglio (Reggio Calabria) e una riunione dei Ministri dello Sviluppo in autunno (Pescara).
L’anno della presidenza italiana del G7 avrà il suo culmine nel vertice dei Capi di Stato e di Governo che il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ospiterà a Borgo Egnazia (Puglia) in giugno. Sessioni ministeriali specifiche saranno dedicate ai principali argomenti dell’attualità internazionale, dall’Industria e dello spazio, alle Infrastrutture e trasporti, passando per Economia, Turismo, Giustizia, Ambiente, Salute e Agricoltura.
La Presidenza italiana avrà come sue priorità, innanzitutto, il rispetto dell’ordine internazionale, profondamente scosso dalla guerra russa in Ucraina e dal conflitto in Medio Oriente, due temi su cui l’Italia manterrà alta l’attenzione dei partner e della comunità internazionale.
Ucraina e Medio Oriente saranno alcuni dei temi all’ordine del giorno del colloquio che Tajani ha in programma oggi con il segretario di Stato USA Antony Blinken e che affronterà nei prossimi colloqui con i colleghi del Gruppo, in vista dell’avvio concreto dell’azione comune.
“La Presidenza avrà una naturale proiezione nel Mediterraneo, su cui abbiamo la responsabilità di promuovere soluzioni che favoriscano pace e stabilità per l’intera regione, a partire dal conflitto attualmente in corso in Medio Oriente. Continueremo inoltre a sostenere convintamente l’Ucraina, anche sul fronte della ricostruzione”, commenta Tajani. “Centrale sarà l’attenzione che verrà dedicata ai Balcani, area che da sempre ha un’importanza strategica per la stabilità di tutta l’Europa, e all’Africa, un continente con cui vogliamo promuovere partenariati paritari, efficaci e mutualmente vantaggiosi con i paesi africani, per la sicurezza e resilienza del continente”, prosegue.
Il rapporto con tutti i protagonisti globali sarà uno dei temi centrali della Presidenza dell’Italia, consapevole del fatto che la complessità delle sfide globali richiede un confronto profondo e senza barriere, che guarderà anche all’area dell’Indo-Pacifico, una regione in forte crescita e al centro di una crescente competizione internazionale.
La Presidenza italiana non mancherà di affrontare temi decisivi come: cambiamento climatico e perdita di biodiversità; commercio internazionale basato sulle regole; transizione digitale, inclusa lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale; raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile; il nesso tra sviluppo e migrazioni. “L’Italia confermerà con chiarezza nell’agenda del G7 le questioni migratorie – ha commentato il vicepremier -. Si tratta di una priorità che il governo ha posto in ogni sede e su cui abbiamo avviato a luglio un percorso condiviso con la comunità internazionale, lanciando il “Processo di Roma” con la Conferenza su Migrazioni e Sviluppo che abbiamo ospitato alla Farnesina, coinvolgendo i Paesi del Mediterraneo, africani e del Golfo”.
“Nell’affrontare temi e sfide così complessi, la Presidenza italiana cercherà di distinguersi per un metodo improntato al dialogo e alla collaborazione, mantenendo sempre fermi i capisaldi del rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani, lavorando insieme ai partner per cercare soluzioni innovative in grado di promuovere la stabilità nei principali quadranti di crisi e lo sviluppo sostenibile delle economie emergenti”, conclude la Farnesina. – Foto: Agenzia Fotogramma – (ITALPRESS).



Al via la Presidenza italiana del G7

Al via la Presidenza italiana del G7

Il 1° gennaio 2022 l’Italia ha assunto la Presidenza annuale del G7, il gruppo delle nazioni più industrializzate del mondo. Questo ruolo è particolarmente rilevante in un momento critico per l’economia mondiale e per la cooperazione tra le nazioni.

Obiettivi della Presidenza italiana

L’Italia si è posta diversi obiettivi durante la sua Presidenza del G7. Tra i principali temi all’ordine del giorno ci sono la lotta al cambiamento climatico, la promozione della sostenibilità, la crescita economica e la lotta alla pandemia da COVID-19.

Agenda delle riunioni

La Presidenza italiana ha pianificato una serie di incontri e conferenze al fine di promuovere la cooperazione tra i membri del G7. Tra le principali riunioni in programma, vi sono quelle sui cambiamenti climatici, sulla governance economica internazionale e sulla salute globale.

Partecipazione dei leader mondiali

È prevista la partecipazione dei leader mondiali alle riunioni del G7, compresi i Presidenti degli Stati Uniti, del Canada, del Regno Unito, della Germania, della Francia e del Giappone. Questi incontri saranno un’importante opportunità per discutere le sfide globali e trovare soluzioni comuni.

GuruNotizie

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre ultime notizie.

Conclusione

La Presidenza italiana del G7 si prospetta come un momento cruciale per affrontare le sfide globali e promuovere la cooperazione internazionale. Con un’agenda ricca e variegata, l’Italia si prepara a guidare il gruppo delle nazioni più industrializzate del mondo verso un futuro migliore e più sostenibile.


Mostra di più

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio