GuruNotizieMattino 5

La presunta veggente Gisella Cardia: un mistero e un gesto violento

A Mattino 5, il programma condotto da Federica Panicucci su Canale 5, nella puntata di oggi – lunedì 5 febbraio – si è tornati a parlare della presunta veggente Gisella Cardia. Prima del dibattito in studio, ecco un servizio realizzato dall’inviato della trasmissione Paolo Capresi, che ha provato a intervistare, senza riuscirci, la medium.

E al termine del servizio ecco che la Panicucci spiega di aver sentito uno strano rumore proprio sul finale, chiedendo dunque a Capresi di che cosa si fosse trattato: “Nel finale del servizio, quando eri lì vicino alla macchina del marito e della Scarpulla, ho sentito un rumor, uno stock… cos’è quel rumore strano?”, ha chiesto la conduttrice.

L’inviato, a quel punto, ha rivelato che il marito della Cardia ha sferrato un forte pugno sul finestrino della sua auto. “È stato un gesto violento di Gianni, che mi ha tirato un pugno, una manata al vetro. Quello stock che senti è la fede nuziale che batte sul vetro”, ha rivelato Capresi. Stupita la Panicucci: “No, ma davvero? Una manata? Facciamolo risentire”. Quindi il frammento video è stato riproposto.

Ma non è tutto. Sempre la conduttrice ha aggiunto di ricordare come già in precedenza il suo inviato era stato minacciato, così come già in passato l’auto era stata colpita da un pugno: “Quindi lo ha rifatto”, ha rimarcato Panicucci. Risposta affermativa dell’inviato: “Non riesce a controllare le sue reazioni, forse è un uomo sull’orlo di una crisi di nervi”, ha chiosato Capresi.





Aggredito l’inviato di Federica Panicucci


Aggredito l’inviato di Federica Panicucci

La violenza colpisce ancora nella giornalistica televisiva

Nella giornata di ieri si è verificato un grave episodio di violenza nei confronti di un inviato della conduttrice Federica Panicucci. Un fatto che, purtroppo, non rappresenta un caso isolato nel panorama dell’informazione televisiva.

La dinamica dell’aggressione

L’incidente si è verificato durante le riprese di un servizio sul luogo di un grave incidente stradale. L’inviato si stava preparando per una diretta televisiva quando è stato avvicinato da un individuo sconosciuto che, senza apparente motivo, ha iniziato a insultarlo e ad agirgli contro con violenza fisica.

GuruNotizie

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre ultime notizie.

Le conseguenze dell’aggressione

L’inviato è stato prontamente assistito dai colleghi e dai soccorsi presenti sul posto. Fortunatamente, le conseguenze fisiche dell’aggressione non sembrano essere gravi, tuttavia, l’episodio ha causato un forte shock emotivo nella vittima e nell’intera redazione televisiva.

L’appello per contrastare la violenza

Questa aggressione rappresenta un ulteriore segnale di un problema diffuso e preoccupante: la violenza nei confronti dei giornalisti. È fondamentale che istituzioni e società siano consapevoli di questa situazione e che si adottino misure adeguate per contrastare e prevenire questi atti violenti.

La responsabilità dell’opinione pubblica

È importante sottolineare che la libertà di stampa è un diritto fondamentale in una democrazia e che gli operatori dell’informazione devono poter svolgere il loro lavoro in sicurezza. L’opinione pubblica ha il compito di condannare questi atti di violenza e di promuovere il rispetto per il ruolo dei giornalisti.

Conclusioni

L’aggressione nei confronti dell’inviato di Federica Panicucci rappresenta un episodio allarmante che richiama l’attenzione sulla necessità di difendere e tutelare i professionisti dell’informazione. Sono necessarie azioni concrete per contrastare la violenza e garantire la libertà di cronaca, perché solo così potremo preservare una società democratica e informata.


Mostra di più

Articoli Correlati

Ti Potrebbe Interessare
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio